. . . sempre più spesso mi devo fermare. E’ colpa di questo dromedario, troppo stanco a quest’ora. Ci accampiamo qui, sotto un albero. Io approfitto della notte, faccio un lungo respiro ed aspetto la donna giaguaro. Con lei è più facile lasciare andare l’aquilone . . .